sabato 26 dicembre 2009

Ancora sull'alluvione.

Ecco altre immagini, dopo quelle pubblicate ieri, riprese dall'elicottero, riguardanti l'alluvione del Serchio il 25 dicembre.

Le foto sono spesso mosse e sgranate. L'elicottero manovrava per permettere le inquadrature al fotografo della protezione civile e per fare i rilievi del caso, quindi scattavo un po' al volo e spesso attraverso il finestrino dal lato opposto. Plexiglas e condensa tra il mio obbiettivo ed il soggetto non hanno aiutato.
Ma quello che ci tengo a mettere in risalto è che bisogna finalmente acquisire la consapevolezza che con la natura, i fiumi, le montagne che franano ecc, bisogna imparare a convivere e non a combatterli.

Molte delle case come potete vedere, sono recenti. Alcune addirittura in costruzione. Molte altre erano probabilmente solo depositi per i campi o per la pesca, dove se entrava l'acqua ogni tot anni i danni erano limitati. Dopo sono state trasformate in abitazioni.
In un caso pare un canale sia stato coperto per fare posto ad una strada. Le case a monte probabilmente erano li da tempo ma quella che una volta era la via d'uscita naturale dell'acqua non esiste più.



Qui l'acqua ha appena raggiunto l'area industriale di Migliarino e sta ancora salendo. Dopo circa 30 minuti supererà la strada su cui ancora stanno circolando le auto dopo il deposito di contenitori blu. Questi ultimi galleggiando si dirigeranno lungo i campi allagati verso il lago di Fucechio.

Dopo un ora l'acqua ha passato l'autostrada e la zona industriale.

I bidoni che prima erano nel cortile della fabbrica, ora galleggiano nei prati allagati e si dirigono verso il lago. Se ingrandite l'immagine potete vedere a destra la strada su cui prima transitavano le auto, completamente allagata.


Questa casa in costruzione si trova direttamente di fronte al punto di rottura dell'argine. Nel suo interno si era rifugiata una persona che chiedeva soccorso sventolando un telo. Purtroppo noi non eravamo attrezzati per il soccorso e abbiamo richiesto l'intervento di un altro mezzo. Credo sia stata soccorsa dai vigili del fuoco.




Un altra zona allagata risalendo il fiume oltre ponte al Serchio.



2 commenti:

  1. Allucinante. Io lavoro nell'azienda che si vede nella foto 47. Grazie per queste foto.

    RispondiElimina
  2. Margotti Street28 dicembre 2009 11:54

    Un reportage fotografico davvero significativo. Illustra la situazione meglio di qualunque servizio giornalistico o televisivo: l'immagine ferma consente un'osservazione dettagliata e suggerisce riflessioni consapevoli.
    La tristezza muta in angoscia di fronte all'evidenza che la natura non è matrigna ma siamo noi ad essere figli degeneri.
    Complimenti, Orso, davvero una preziosa, puntuale testimonianza.

    RispondiElimina