lunedì 20 luglio 2009

Quelli che il Week end...

Ci sono quelli che il week end lo passano a rosicare dietro una tastiera incolpando il mondo della loro cattiva sorte....
Quelli che lo passano sul terrazzino con un telemetro in mano...
Quelli che lo passano chiusi in casa dietro tende di carta stagnola per paura delle scie, di HARP e del bario...

E quelli che il Week end decidono di mandare costoro in quel posto dove meritano e si ritrovano all'aria aperta, magari per rivaleggiare in qualche sport...

A voi decidere chi tra le due categorie è da considerare disabile.

HandBike Fossano


19-luglio-2009 Fossano. Memorial Serena valido per il campionato Italiano di handbike.

Il campione di famiglia.
Da HandBike Fossano



E tutti gli altri (compreso il campione olimpico).

Da HandBike Fossano


Da HandBike Fossano


Da HandBike Fossano


Da HandBike Fossano


Da HandBike Fossano


Da HandBike Fossano

12 commenti:

  1. conosco persone diversamente abili per problemi fisici, e TUTTE meritano la mia ammirazione per la forza d'animo che dimostrano ogni giorno.
    conosco persone diversamente abili per problemi mentali, e TUTTE meritano la mia ammirazione per l'impegno che dimostrano ogni giorno.
    conosco, purtroppo, idioti SENZA GIUSTIFICAZIONE DI SORTA, che fanno e dicono le cose piu' indegne.
    I 2 bros appartengono alla terza serie.
    'naff said!

    RispondiElimina
  2. Orso, inutile dirti che il tuo post e' meraviglioso per quello che vuole dire e dimostrare.
    non devo dirti chi e' il disabiile, vero?

    RispondiElimina
  3. Ciao Orso.

    frankbat, 'nuff said.. ;-)

    RispondiElimina
  4. @nico,
    'frankbat, 'nuff said.. ;-)'

    oops, sorry

    RispondiElimina
  5. Mi associo a frankbat. Rafforzando il concetto che l'idiozia di chi idiota non è è una colpa assai grave.

    Bentoranto, Orso!

    RispondiElimina
  6. Bentornato Orso, e complimenti per il post!

    RispondiElimina
  7. Chi ga' vinto? :D

    Saluti
    Michele

    RispondiElimina
  8. @Hammar

    Questa la classifica, Si assegnava il titolo di campione italiano:
    Maschile
    1°Paolo Cecchetto
    2° Vittorio Podestà
    3° Roland Ruepp

    Li vedete in foto, l'unica con tre ciclisti con i primi due in ordine inverso.
    Il titolo se lo sono giocati in una volata davvero spettacolare sul rettilineo di Via Roma.

    Per le donne:
    Graziella Calimero (nella categoria A femminile)
    Francesca Fenocchio (nella categoria B femminile e prima donna a tagliare il traguardo, davanti all’altoatesina Claudia Schuler, al termine di una volata al cardiopalmo speculare a quella maschile), Raffaella Congiu (nella categoria C femminile),

    Si assegnavano diversi titoli e categorie.



    qui le classifiche:

    http://www.passocuneo.com/it/default.cfm?cod_categoria=41&cod_sottocategoria=126&cod_contenuto=369

    RispondiElimina
  9. Ci tengo a precisare una cosa...


    Lo spettacolo di questi ragazzi è assolutamente atletico.

    Non si tratta di tifare per qualcuno che combatte contro i suoi problemi ma per degli atleti veri.

    Ci si trova ad assistere a manifestazioni di vero agonismo.


    Ho avuto occasione di accompagnare una sciatrice para olimpica ipovedente che quel giorno era rimasta senza conduttore. Ad un certo punto ho dovuto chiederle di rallentare il ritmo. Semplicemente la sua preparazione fisica era di un bel pezzo sopra la mia.

    Sabato sono andato perché volevo vedere mio nipote in gara. E' stato davvero incredibile lo spettacolo a cui ho assistito. Con tantissima gente che tifava giovani ed anziani e posso assicurarvi che la cosa è davvero coinvolgente.
    Gli stessi mezzi che partecipano sono spesso iper tecnologici.
    Ruote lenticolari, telai in lega o carbonio, assetti variabili delle ruote e ampiamente personalizzati.

    Molti "normali" hanno espresso il desiderio di provare simili attrezzi (per rendersi presto conto di non avere il fisico :-) ).

    RispondiElimina
  10. Chapeau! (O come si scrive)

    Penso non servano altre parole!

    RispondiElimina
  11. A Venezia, per la Venicemarathon, ci sono pure loro.

    E credo proprio che macinarsi 40 e passa km, per poi dover affrontare le rampe posate sui ponti sia da eroi.

    Saluti
    Michele

    RispondiElimina