sabato 14 agosto 2010

Si preparano grasse risate.

Da questo articolo di strakkino: Le scie di condensazione secondo Wikipedia Italia, ovvero secondo il C.I.C.A.P. (tranquilli non porta al suo blog... non gli regalo cosi facilmente degli acessi ;-) )


"Per trovarsi sempre dalla parte della ragione, i disinformatori ora asseriscono che l'umidità necessaria (e che chiaramente non si trova ad alte quote) viene interamente prodotta dai turbofan di ultima generazione. E' possibile? Un nostro amico e collaboratore ha voluto approfondire la questione ed ha appurato, attraverso elaborati calcoli, che la produzione di vapore acqueo di un moderno motore a reazione è del tutto insignificante e tale quindi da non permettere assolutamente la formazione di scie di condensazione (di nessun tipo) per il solo apporto di umidità dai motori. Lo studio verrà pubblicato appena possibile."

Allora faccio alcune previsioni.
La prima è la più semplice. Si preparano grasse risate.
La seconda non è poi cosi difficile. L'amico collaboratore è l'ingegnere gestionale guardacheluna. Quello che doveva presentare i calcoli sulla comprimibilità dei liquidi e che ritiene ci sia del torbido nel fatto che la luna si vede anche di giorno.

Chi scommette con me?

7 commenti:

  1. da un geometer che sostiene 60xtan30°= 1800 ci aspettiamo grassissime risate.
    Vai Straker facci sognare !

    RispondiElimina
  2. Un turbofan butta fuori grossomodo un litro d'acqua al secondo. Comunque non è importante la quantità assouta di acqua che viene prodotta, quanto il rapporto tra acqua e calore.

    Ogni grammo di combustibile produce una quantità fissa di acqua (circa 1,4 g), mentre il calore prodotto dipende dal rendimento: più è alto il rendimento, più è il calore che viene usato per spingere l'aereo e meno è il calore che resta nei gas di scarico. Ma a rendimento costante il calore prodotto è sempre lo stesso. E quindi il rapporto tra calore ed acqua è quello, non si scappa.

    RispondiElimina
  3. Beh per straker è tutto relativo, ad esempio un litro d'acqua al secondo per lui potrebbe essere insignificante come per noi lo è l'unico neurone condiviso con il fratello tramite teleidiozia.

    Aspettiamo con ansia la spiegazione scientifica che le scie di condensazione non esistono, anzi se qualcuno ha un'anticipazione ce lo faccia sapere entro stasera perché da domani ci sarà il sole e saremo tutti in spiaggia o sui monti.

    RispondiElimina
  4. vado a comprare birra e patatine.

    RispondiElimina
  5. Margotti Street14 agosto 2010 18:13

    Ho già cominciato a ridere, dopo aver letto di "elaborati calcoli" e di "studio" di prossima pubblicazione!
    Promettono bene e se ne leggeranno... delle balle!!!
    L.O.L. e stra-L.O.L.
    Buon Ferragosto Orso!

    RispondiElimina
  6. Un litro d'acqua nell'aria rarefatta a 10000 mt è come un litro di vino nel mio corpo a stomaco vuoto, mbriaco duro io e piena di condensa l'aria a 10000 mt.
    Vediamo cosa spareranno stavolta i "ricercatori" di minchiate indipendenti.
    Buon ferragosto, e vai di gavettoni.:))

    RispondiElimina
  7. Sì, anch'io prevedo grossi divertimenti. Però devo smentire Comoretto: un turbofan non produce assolutamente acqua. Quando è spento, ovviamente.

    RispondiElimina