martedì 18 ottobre 2011

Buona fortuna

Buona fortuna al caporale Gilad Shalit, liberato oggi dopo oltre 5 anni di prigionia trascorsa nelle mani di Hamas. E buona fortuna anche ai 447 palestinesi che contestualmente sono stati liberati da Israele e a coloro che li seguiranno.
In una situazione in cui è ormai impossibile distinguere compiutamente torti e ragioni, si può solo sperare che il domani sia migliore per tutti loro. Significherebbe che l'investimento fatto da Israele, 1 contro 1027, ha dato i suoi frutti.
Alla pace servono i fatti e non i rancori, per quanto giuste possano essere le ragioni che, da una parte e dall'altra, li alimentano.

5 commenti:

  1. Margotti Street18 ottobre 2011 18:14

    Il contenuto del tuo post è molto saggio e assolutamente condivisibile.
    Ho visto l'arrivo del caporale in un servizio televisivo e mi è apparso tutt'altro che in buone condizioni. Certo non si può considerare uno scambio "alla pari", ma potrebbe significare che, per Israele, uno di loro vale 1000 palestinesi. Certo per i genitori è così e sono contento per loro.

    RispondiElimina
  2. "Alla pace servono i fatti e non i rancori, per quanto giuste possano essere le ragioni che, da una parte e dall'altra, li alimentano.

    È dura da accettare, ma è così.

    RispondiElimina
  3. Paolo el panza19 ottobre 2011 18:00

    Mi hanno dato del cinico, del "mercatista" (qualunque cosa voglia dire) e altri insulti simili, ma io ho sempre pensato e detto che quando Israele fa questi scambi iniqui voglia dire a "quegli altri" semplicemente Li volete proprio? Teneteveli! Oltre a fare un "provvedimento vuotacarceri" a modo proprio.
    Può essere che sia proprio così?

    RispondiElimina
  4. non si tratta con terroristi, assassini, ladri e quant'altro...MAI!

    RispondiElimina