mercoledì 20 ottobre 2010

Gigettosix seconda parte. C'è ignoranza ed ignoranza..


gigettosix ha detto...

"C'è circa 2 milioni di abitanti tra Torino e provincia che possono testimoniarlo..."

Egregio orsovcoalnte in primis è evidente che alla scuola di menzogne dalla quale tu ti sei formato la grammatica non ti sia stata minimamente insegnata dato che casomai si scrive che in provincia di Torino ci abitano circa 2 milioni di abitanti e non "c'è due milioni di persone".
Premesso questo, riguardo la questione scie non occorrono scienziati ma basta fare un semplice 2+2, ieri il cielo era una ragnatela inestricabile di scie persistenti oggi invece il cielo era terso e sgombro di nubi.
Perchè? Le condizioni fiscihe erano tanto differenti? Perchè gli aerei gli aerei volavano in formazione a quote irrisorie e oggi no?
Tu menti sapendo di mentire. Di una cosa però mi compiaccio l'ecosistema inquinato in cui vegeti è lo stesso di noi tutti.

Caro Gigettosix. Se proprio vogliamo mettere i puntini sulle ì, o meglio gli accenti sulle è (quelli giusti, perché si scrive con la é e non con la è (tralascio il resto).

Ebbene si le condizioni tra ieri ed oggi in quota erano enormemente differenti e lo testimoniano i radiosondaggi di Levaldigi.

Se confrontiamo i sondaggi di ieri e di oggi alle ore 12, link, ci accorgiamo che nell'intervallo di quota a cui operano abitualmente gli aerei di linea, tra i 350 ed i 20o hpa, la differenza tra la temperatura dell'aria e quella di rugiada è estremamente diversa. Ieri questo valore andava dai 10 ai 6 gradi, Oggi si va dai 30 ai 13 gradi centigradi. I valori di umidità relativa ieri a quelle quote variavano dal 32 al 49%, oggi dal 5 al 28.

Caro Gigettosix, io sbaglio forse la grammatica ( ma tu non sembri di molto più bravo ) ma i bugiardi li trovi da un altra parte.

15 commenti:

  1. Bravo Orso.
    E tu gnomettosix lavati la bocca prima di parlare: è stato il tuo capo falsificatore di lauree a suggerirti cosa scrivere?

    RispondiElimina
  2. Vero. C'è l'ignopranza comune e l'ignoranza di zret.

    E siccome io non sono succube di nessuno, riporto quanto dice l'Accademia della Crusca:

    ...Quanto a succubo / succube: la forma raccomandabile a norma di etimologia sarebbe la prima, trattandosi di un aggettivo tratto dal lat. SUCCUBA, a sua volta deverbale da SUCCUBARE, mentre l’invariabile succube si deve all’influsso francese (si vedano ad esempio Aldo Gabrielli, Il museo degli errori, Milano, Mondadori, 1977, pp. 79-80 o Valeria Della Valle - Giuseppe Patota, Il salvaitaliano, Milano, Sperling &Kupfer, 2000, pp. 62-63). Benissimo, dunque, se succubo, -a tendesse, magari sull’onda delle raccomandazioni dei grammatici, a imporsi nell’uso. Ma dubito che sia così: un sondaggio giornalistico relativo al 1995 e riportato nel mio Italiano, Milano, Garzanti, 1997, p. 597 dava maggioritaria (19 esempi contro 8) la forma invariabile succube.»

    In altre parole, nell'italiano vecchio e stantio del Prof. Aristogitone (ve lo ricordate, voi che giovanissimi non siete più?) va benissimo succubo. Nella lingua viva ancorché non corrotta di oggi e che il prof marcianò ignora, come ogni altra cosa (diciamocelo, ma cosa sa quell'uomo? quattro parole desuete in croce, e basta!) invece no.

    RispondiElimina
  3. PS Nel messaggio precedente manca una virgola, lo so. Ma la sostanza rimane la stessa: la cultura si acquista con fatica. E c'è chi di fatica proprio non ne vuole fare. Vero, zret?

    RispondiElimina
  4. Esatto Riccardo. zret conosce quattro parole desuete usando le quali crede di dare una patina intellettuale ai suoi scritti. Considerato però lo scarso livello culturale dei membri del comitato, mi chiedo a cosa serva tanto sfoggio di vocabolario. La triste (per lui) realtà è che tenta di spacciarsi per quell'intellettuale che non è, vista la pochezza del suo pensiero. Se poi scrive di cose scientifiche scade nel più totale ridicolo, considerata la sua incolmabile, abissale ignoranza. Solo dei poveri gonzi possono dar credito ad un così triste e patetico personaggio.

    RispondiElimina
  5. Un antico motto, attribuito a Catone il Censore, recita:

    "Rem tene, verba sequentur"

    Tradotto in termini semplici il concetto di Catone vuol dire questo: per prima cosa devi possedere e capire l'argomento di cui parli, questo ti darà modo di farti capire mentre ne discuti; Catone non si sofferma sulla "forma" ma sul fatto che il concetto da comunicare sia stato CAPITO.

    Quindi...

    E' inutile che ci si soffermi sulla forma e sulla grammatica (come del resto state sottolineando voi), ma ci si deve soffermare sul contenuto di ciò che ognuno sta dicendo.
    Ora, è palese a tutti quello che noi diciamo e mi chiedo come mai i nostri amici "fuffari" si soffermino così tanto all'aspetto grammaticale: viene da pensare che non abbiamo nessun argomento migliore di questo per controbattere.

    Si badi bene, però, che per uno dei due sanremesi certi errori sono un'aggravante! ;-)

    Che dite?
    Sono stato abbastanza correggiuto nello scrivere??? ;-)


    Jabba

    RispondiElimina
  6. Che dite?
    Sono stato abbastanza correggiuto nello scrivere???


    Se sbaglierò, mi corigerete ...

    Ah, giusto, il Vaticano è a capo di tutta l'operazione delle irrorazioni ...

    RispondiElimina
  7. gigettosix, tu e i tuoi compagni a forza di fare 2+2 vi siete completamente fulminati.
    Orsovolante ti ha immediatamente dimostrato che per comprendere i fenomeni fisici e atmosferici è necessario possedere una maggiore apertura mentale.
    Tu, caro gigi e co., continuate a ragionare applicando solo delle banali addizioni (2+2) invece dovreste azzardarvi anche con qualche moltiplicazione e divisione, mica bisogna essere degli ingegneri...ehm vabbè.
    In pratica la faciloneria che adottate per fornire le spiegazioni ai presunti fenomeni sciachimistici è condizionata solo ed esclusivamente dall'unico metodo che siete in grado di utilizzare: la semplice osservazione del cielo, punto e basta.
    Grazie tante, allora viva gli ufi, le apparizioni, i fantasmi e gli uomini neri.

    RispondiElimina
  8. Margotti Street21 ottobre 2010 11:31

    Orso, quanta pazienza e signorilità dimostri a questi pappagalli ammaestrati da un somaro bugiardo!

    RispondiElimina
  9. A me sempre più spesso viene il dubbio che oramai, le uniche attenzioni che ricevono, siano le nostre. Lo confermano le crescenti attenzioni rivolte ai più noti blog di debunking, divenuti per loro unico metro oppositivo.
    Se pure noi smettessimo di commentare i loro sproloqui, si metterebbero a parlare con lo specchio... e alla fine si prenderebbero a schiaffoni.

    RispondiElimina
  10. "Se pure noi smettessimo di commentare i loro sproloqui, si metterebbero a parlare con lo specchio... e alla fine si prenderebbero a schiaffoni."
    Masdeca, secondo me farebbero bene PRIMA a prendersi a schiaffoni, e poi a tacere, anche con lo specchio.
    Che se no, anche lo specchio li prenderebbe a schiaffoni!

    RispondiElimina
  11. tanto non si renderebbe conto della realtà manco se ci sbattesse contro

    RispondiElimina
  12. Il problema secondo me è la frase "È ovvio che...".

    È ovvio che la Terra è piatta. Sennò si cadrebbe di sotto. È ovvio che le stelle ed il Sole sono ben diversi. È ovvio che le cose cadono vero il basso e non possono cadere verso il Sole.

    E quindi basta il buon senso, non è possibile che un giorno gli aerei facciano le scie e magari anche solo due ore dopo no. Le condizioni non possono cambiare drasticamente in poche ore, che diamine. Peccato che sia proprio così, il buon senso fa brutti scherzi quando lo si usa a sproposito.

    Nel video della conferenza ad Ascoli Piceno uno dal pubblico chiede a Simone a che quote potrebbero arrivare questi fantomatici ragni migratori. Rumore canzonatorio di sottofondo dalla sala. Simone risponde citando,con tanto di fonte, ragni osservati e raccolti a oltre 5000 metri. Cala il gelo sulla sala, era ovvio che non fosse possibile, ma ora o ci credi o devi dare del disinformatore a troppa gente che non c'entra niente con le scie, e' un po' troppo.

    RispondiElimina
  13. Molto meglio scrivere cose giuste in modo sgrammaticato, che scrivere fesserie (e le fesserie non si offenado) in Italiano corretto.

    Orso, non ti curar di loro ma guarda e passa....

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. Fate ridere! ma perchè perdete tempo a parlare di certe cose con stupidi complottisti e sparatori di baggianate a più non posso? Credo sia più grande la vostra di stupidaggine e testardaggine che la loro.....

    RispondiElimina