lunedì 29 novembre 2010

Da +8 a - 17 in 2500 mt.

Alla faccia di coloro che credono, strakkino in primis, che l'atmosfera si comporti sempre cosi come viene immaginato nel modello che chiamiamo atmosfera standard. Ovvero che ogni 1000 metri di quota la temperatura diminuisca, sempre e comunque, di 6,5°.
A costoro sarebbe bastato un voletto di 20 minuti, come quello fatto da me oggi per ragioni di lavoro, con partenza dalla pianura piemontese ed arrivo alla più alta diga d'Europa, per cambiare rapidamente ideaa.
Infatti alle 9 di questa mattina, grazie al sole ed all'effetto phoen del vento, nei dintorni di Caselle si godeva di una discreta mattinata con 8° di temperatura. Temperatura che saliva ulteriormente se ci si spostava a ridosso della linea pedemontana.
Le temperature si mantenevano discrete, perlomeno al sole, fin che si restava in fondovalle anche salendo di quota, sempre per effetto della compressione dinamica del vento.
Ma appena si oltrepassava la zona in cui l'aria veniva "compressa" per effetto dinamico, si perdeva ogni dubbio sull'origine artica dell'aria che ci investiva.
Cosi a 2750 mt di quota, pur se in pieno sole, il termometro segnava -17° e la condensa gelava sulla superficie interna dei plexiglas della cabina.



Salendo le montagne che "fumano" indicano chiaramente la direzione del vento e quello che ci aspetterà tra poco.


Per togliersi ogni dubbio...
Notare il ghiaccio in basso vicino alla cornice del plexiglas. Il riscaldamento è a "palla" da alcuni minuti e la sua bocchetta è quel rettangolino nero in basso a dx.

9 commenti:

  1. HAAAAAAAAAAAARRRRRGGGGGGGGG


    ANCHE IO!!!!!!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Bravo il super orso! Che invidia!

    RispondiElimina
  3. Margotti Street29 novembre 2010 23:21

    Che bello godersi la splendida vista delle montagne stando comodamente al calduccio e in mezzo a tutti i comfort!
    Scusa Orso, e grazie!

    RispondiElimina
  4. Vorrei sentire come ribatteranno gli sciachimisti, che stando sempre seduti sulla poltrona davanti al pc riescono a comprendere e a scrivere come funziona l'atmosfera e i fenomeni naturali

    RispondiElimina
  5. Fantastico orso.
    Purtroppo non potrò mai godere delle gioie del volo, ogni volta che saldo dalla sicilia con la morosa mi metto a piangere dal panico :(
    Prima o poi ti contatterò per chiederti come fare una sorpresa alla mia morosa: lei ama volare e le piacerebbe fare un giretto in cessna o altro alternativo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Orso, ci dobbiamo accordare... mio figlio vuole fare un giro

    RispondiElimina
  7. E' il gradiente termico verticale, che in termini nautici diminuisce di 2° ogni 1000ft oppure, come giustamente scrivi, 6 gradi ogni 1000mt.

    Ma strakkino, che la meteorologia la studia dalla applet nella sidebar di windows, queste cose non le sa'.
    Un aiutino:

    http://it.wikipedia.org/wiki/Gradiente_adiabatico_secco

    RispondiElimina
  8. L'altro ieri sull'A24 a Carsoli c'era una temperatura di 1°C, pioveva senza sosta, nevischiava roba bianca filamentosa, una bufera di vento pazzesca dove apparivano improvvisamente nubi dalle sembianze chimiche che offuscavano la vista, uno scenario apocalittico.
    Sceso di 300/400 metri improvvisamente mi sono trovato a 18° C con una gran puzza di zolfo e uova marce... ero arrivato all'altezza di Tivoli.
    Da quelle parti ci sono due aeroporti molto sospetti (Guidonia e Ciampino), roba da fare impazzire qualsiasi sciachimista.

    RispondiElimina
  9. Che un bel post. Adoro leggere questi tipi o articoli. Posso? T aspettare di vedere ciò che altri hanno da dire.

    RispondiElimina