domenica 24 maggio 2009

Straker, i P180, l'inglese suo e di chi gli da una mano.

Che straker non sappia l'inglese già è cosa nota. Che non lo sappiano nemmeno i suoi discepoli lo si sospettava fortemente.
Ma qui il ridicolo è che si poteva benissimo documentare in Italiano.
In un commento al suo articolo sul boato udito il 20/05/09 ad Arma di Taggia, articolo di cui avevo già parlato qui, incolla la copia di un altro articolo in inglese segnalatogli da un suo accolito. Qui.
Secondo lui l'articolo dovrebbe spiegare il perché i P180 siano cosi presenti durante le, presunte, irrorazioni chimiche.
Ora è probabile che straker si sia fermato al titolo e a quel "Special Version" che vi compare.
Se avesse anche solo provato a leggerlo, si sarebbe accorto che non si tratta d'altro che l'annuncio, da parte del costruttore norvegese del sistema UNIFIS 3000, che svariati enti intendono montarlo sul P180 e di una collaborazione tra l'industri italiana Piaggio e la NSM norvegese.
Ma cos'è l'UNIFIS 3000? Probabilmente quel "flight inspection" ha fatto pensare chissà che a straker.
Peccato che non si tratti di null'altro che di un sistema per il controllo e la verifica delle stazioni di radio navigazione a terra e che il P180 sia utilizzato a questo scopo non solo dall'aviazione italiana, ma anche da svariati enti tra cui l'ENAV.
Ed infatti con una breve ricerca si poteva scoprire un articolo in italiano, dove l'ENAV annunciava
che : "..[cut] settembre sarà consegnato il primo aeromobile completamente allestito con le tecnologie di ultima generazione NSM UNIFIS 3000, il velivolo potrà essere immediatamente utilizzato per il completo servizio di radiomisure dei segnali radioelettrici emessi dalle varie apparecchiature per la navigazione aerea."
Un altro esempio di ignoranza in mala fede proveniente dal sito TE

8 commenti:

  1. Soprattutto, come mai non riesce MAI a fotografare un cacchio di aereo decentemente???
    Guarda come li fotografano gli spotters, quei P180 dell'Enav...
    http://www.aviazionecivile.com/vb/showthread.php?t=97225
    Per i meno esperti, gli aerei per il volo strumentale usano dei radiofari. Questi aerei servono a controllare e tarare qui segnali per la sicurezza di chi vola.
    Ma siccome chi ha un lavoro utile risulta una minaccia per Rosario Marcianò... che invece da un contributo importante alla fuffa.

    RispondiElimina
  2. Sempre grande Orsovolante!
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Fino agli anni 80 l'aeronautica militare usava i vecchi DC3 per la taratura degli apparati di radionavigazione.

    RispondiElimina
  4. siamo alle solite: è un buffone in malafede.

    RispondiElimina
  5. Ora cerca di spaventare Wasp.. :D

    http://tinyurl.com/oromw3

    RispondiElimina
  6. Grazie Orso, ormai sei insostituibile. Per chi non l'avesse ancora letta segnalo la tua bellissima risposta a Rev. Stone su "La Taverna".
    http://tinyurl.com/ooxebr

    RispondiElimina
  7. A straker la cena è andata di traverso:
    "Questo mentre Wasp (white anglo-saxon protestant) fotografava noi."
    Ripubblico qui la mia risposta:

    Ma perché ti devi sempre far correggere?
    Questa spiegazione del mio nik l'ha inventata il tuo ex-amico Reverendo Stone.
    Ciao, belinone!

    RispondiElimina
  8. Orso, non capisci. Questi servono per tarare HAARP e puntarlo sul terrazzo di Sanremo.
    Ma come credi che abbia perso i capelli il comandante?
    E' stato un colpo di HAARP.

    RispondiElimina